Festività soppresse colf e badanti

Festività soppresse colf e badanti

FESTIVITA' SOPPRESSE COLF E BADANTI: VENGONO RICONOSCIUTE?

Il CCNL colf e badanti all'art. 16 comma 5 indica quanto segue:

Le giornate che hanno cessato di essere considerate festive agli effetti civili, ai sensi della legge 5 marzo 1977, n. 54, sono state compensate mediante il riconoscimento al lavoratore del godimento dell’intera giornata nelle festività di cui al comma 1.


Di fatto, per i lavoratori domestici i giorni corrispondenti a festività soppresse sono a tutti gli effetti dei normali giorni lavorativi.

 

 

FESTIVITA' SOPPRESSE COLF E BADANTI: COSA INDICARE NEL CALENDARIO DELLE PRESENZE

Per indicare correttamente le presenze per questi giorni è sufficiente indicare le ore lavorate come di consueto, oppure non indicare nulla se, in caso di orario part-time, il giorno da contratto non è lavorativo.

Le festività riconosciute sono invece:

1° gennaio,
6 gennaio,
lunedì di Pasqua,
25 aprile,
1° maggio,
2 giugno,
15 agosto,
1° novembre,
8 dicembre
25 dicembre,
26 dicembre,
S. Patrono.

Webcolf indica in automatico la festività nel calendario delle presenze mensili, inserendo il codice F seguito dal numero di ore che dovranno essere retribuite come festività.

Nello specifico, per i contratti a ore le festività vengono retribuite per 1/6 dell'orario settimanale; per i contratti in regime di convivenza con paga mensilizzata, invece, vengono retribuite per 1/26 del mensile. Se invece cadono di domenica, in quanto festività non godute, alla retribuzione del mese viene aggiunto 1/6 dell'orario settimanale.

Per maggiori informazioni in merito a come vengono retribuite le festività, si legga qui.

 

 

 

 

Indice articoli