Malattia

La malattia di colf e badantiMalattia

Nel lavoro domestico la corresponsione dell'indennità di malattia è onere esclusivo del datore di lavoro.
Né l’Inps, né la Cassa Colf pagano la malattia di colf e badanti.

L'articolo 26 del CCNL colf e badanti, in merito alla malattia, prevede quanto segue:

1. Oneri del collaboratore:

In caso di malattia il lavoratore deve:
a) avvertire tempestivamente il datore di lavoro
b) farsi fare un certificato medico entro il giorno successivo all'inizio della malattia
c) se non convivente (o convivente assente o in ferie) consegnare o inviare a mezzo raccomandata il certificato medico entro 2 giorni dal rilascio. Per i conviventi che sono in casa non serve consegnare il certificato a meno che non venga richiesto dal datore di lavoro.

2. Conservazione del posto di lavoro:

In caso di malattia, al lavoratore spetta la conservazione del posto per i seguenti periodi:
a) per anzianità fino a 6 mesi, superato il periodo di prova, 10 giorni di calendario;
b) per anzianità da più di 6 mesi a 2 anni, 45 giorni di calendario;
c) per anzianità oltre i 2 anni, 180 giorni di calendario.

I periodi relativi alla conservazione del posto di lavoro si calcolano nell'anno solare, intendendosi per tale il periodo di 365 giorni decorrenti dall'evento.

3. Preavviso, periodo di prova e malattia:

In caso di malattia durante il periodo di prova o durante il periodo del preavviso di licenziamento/dimissioni, si sospende la decorrenza degli stessi.

4. Retribuzione della malattia

In caso di malattia al lavoratore spetta la retribuzione globale di fatto per un massimo di 8 (per anzianità fino a 6 mesi), 10 (per anzianità da più di 6 mesi a 2 anni) o 15 (per anzianità oltre i 2 anni) giorni complessivi nell'anno nella seguente misura:

- fino al 3º giorno consecutivo, il 50% della retribuzione globale di fatto;
- dal 4º giorno in poi, il 100% della retribuzione globale di fatto.

Il periodo di malattia a disposizione si calcola in un lasso di tempo di 365 giorni decorrenti dall'evento, non dal 1° gennaio al 31 dicembre dell'anno.
Per sapere se il collaboratore ha diritto a giorni di malattia e a quanti, va verificato se nei 365 giorni che precedono la malattia in essere, il collaboratore ne aveva già usufruito e in caso, quanti giorni restano.

Si ricorda che tutti questi calcoli vengono effettuati in automatico da Webcolf indicando  il codice M nell'inserimento mensile delle presenze.

 

Esempi di calcolo della retribuzione in caso di malattia

La differenza tra collaboratore convivente e non convivente nel calcolo della malattia sta nel fatto che per il collaboratore convivente la paga di fatto comprende la quota di vitto e alloggio.

A) COLLABORATORE NON CONVIVENTE:

- orario di lavoro:  2 ore il lunedì e 3 ore il giovedì e il venerdì
- paga oraria: 6,00 euro
- periodo di malattia: da martedì 10 settembre a giovedì 24 con anzianità oltre i due anni e con 2 giorni di malattia già fatti a marzo.

Il ragionamento è il seguente:

A quanti giorni di malattia ha diritto il collaboratore in base all'anzianità? In questo caso 15 giorni.
Quanti giorni di malattia ha già effettuato negli ultimi 12 mesi? 2 giorni, perciò rimangono a disposizione 13 giorni di malattia retribuita.
Si contano 13 giorni consecutivi dal primo giorno di malattia, e vengono pagati i primi 3 al 50% e i rimanenti 10 al 100%.

I primi 3 giorni sono:
-mar 10 e merc.11:euro 0,00 non essendo giorno lavorativo
-giov 12: 3 ore al 50% ossia 3 ore x 3 euro= 9,00 euro;

Gli altri giorni fino al 13esimo sono pagati per il 100% e quindi:
-ven 13: ore 3 al 100% ossia 3 x 6 euro= 18,00 euro;
-sab 14 e dom 15: euro 0,00 non essendo giorni lavorativi;
-lun 16: ore 2 al 100% ossia= 2 x 6=12,00 euro;
-mar 17 e merc 18: euro 0,00 non essendo giorni lavorativi
-gio 19: ore 3 al 100% ossia 3 ore x 6 euro=18,00 euro;
-ven 20: ore 3 al 100% ossia 3 ore x 6 euro=18,00 euro;
-sab 21 e dom 22: euro 0,00 non essendo giorni lavorativi;

I giorni dal 23 al 24, poichè superano i giorni massimi non vengono retribuiti.

Totale : 9 +18 + 12 + 18 + 18 =75,00 euro malattia

B) COLLABORATORE CONVIVENTE:

-orario di lavoro: 10 ore dal lunedì al venerdì e 4 la domenica (54 ore sett)
-paga mensile 937,78 per una paga oraria di 4,00
-paga oraria di fatto su cui si calcola la malattia:
( ovvero 4,00 euro di paga oraria + la quota oraria di vitto e alloggio)
e quindi:
quota di vitto alloggio oraria= quota vitto e alloggio mensile : ore totali del mese
(5,31 euro giornalieri x 26 giorni medi lavorativi) : (ore sett. 54 x 4,3334 sett medie in un mese)= 0,59 quota di vitto e alloggio oraria.
4,00 euro paga oraria totale + 0.59 quota di vitto e alloggio oraria= 4,59 paga di fatto su cui calcolare la malattia
-periodo di malattia: da lunedì 4 febbraio a martedì 12 febbraio con anzianità inferiore ai 6 mesi e con zero giorni di malattia precedenti.

Il ragionamento è il seguente:

Quanti giorni di malattia ha diritto il collaboratore in base all'anzianità? In questo caso 8 giorni.
Quanti giorni di malattia ha già effettuato negli ultimi 12 mesi? Nessuno, e quindi ha diritto ancora a 8 giorni di malattia da retribuire.
Contiamo questi 8 giorni consecutivi e paghiamo solo i primi 3 al 50% e i rimanenti 10 al 100%

I primi 3 giorni sono:

-lun 4: ore 10 al 50% ossia=10 ore x (4,59 x 50%)= 23,00 euro;
-mar 5: ore 10 al 50% ossia=10 ore x (4,59 x 50%)= 23,00 euro;
-mer 6: ore 10 al 50% ossia=10 ore x (4,59 x 50%)= 23,00 euro;

Gli altri giorni fino all'ottavo sono pagati per il 100% e quindi:

-gio 7: ore 10 al 100% ossia 10 ore x 4,59= 45,90 euro
-ven 8: ore 10 al 100% ossia 10 ore x 4,59= 45,90 euro
-sab 9: ore 4 al 100% ossia 4 ore x 4,59= 18,36 euro
-dom 10: euro 0,00 essendo giornata non lavorativa
-lun 11: ore 10 ore al 100% ossia 10 ore x 4,59= 45,90 euro
Il giorno 12 non viene retribuito perchè va oltre gli 8 giorni massimi previsti per quest'anzianità di servizio.

Totale : (23 x3) + (45,90 x 3) + 18,36= 225,06 euro di malattia


Per conoscere le procedure e le regole di gestione del rapporto di lavoro domestico leggi il manuale completo con tutti i nostri consigli utili!

 

Scaricamento manuale

Scarica il manuale in formato pdf cliccando su questo link

Scarica il manuale in pdf