Sanzioni lavoro domestico

Sanzioni lavoro domestico

Con il Decreto del Ministero dell'Interno del 22/02/2019 il costo del rimpatrio dello straniero assunto illegalmente é stato aggiornato per il 2019 per un importo pari a 2.052 € contro i 1.398 € del 2018.

Già con il D. Lgs. 109 del 16 luglio 2012 era stata recepita la direttiva CE n. 52 del 2009 che prevedeva una sanzione aggiuntiva per il datore di lavoro che assume un lavoratore straniero irregolare. Per irregolare si intende il lavoratore senza permesso di soggiorno o con permesso di soggiorno scaduto, per il quale non sia stata fatta richiesta di rinnovo, oltre al caso di permesso di soggiorno revocato o annullato.

La sanzione aggiuntiva consiste nel pagamento del costo medio di rimpatrio del lavoratore che, come stabilito dal Decreto interministeriale 22/12/2018 n. 151, si ricava dal costo medio degli oneri sostenuti per il rimpatrio degli stranieri rapportato al numero di stranieri che sono stati rimpatriati nei 3 anni precedenti alla sentenza di rimpatrio del lavoratore in questione.
Tale sanzione si aggiunge a quella già prevista per il datore che assume straniero irregolare e cioé:
- la reclusionie da 6 mesi a 3 anni;
- il pagamento di una multa pari a 5.000 € per ogni lavoratore irregolare assunto dal datore.
Non sono solo queste le sanzioni previste per il datore. La gestione di un rapporto domestico, come tutti i rapporti di lavoro, comporta il rispetto di alcune scadenze pena l'applicazione di sanzioni amministrative da parte degli entri preposti.

SCADENZE RAPPORTO DOMESTICO

Il datore domestico ha l'obbligo di rispettare precise scadenze:

1- la comunicazione di assunzione deve essere completata entro le ore 24 del giorno antecedente l’inizio del rapporto di lavoro (art. 9 bis, comma 2, D.L. 510/96 convertito con modificazioni dalla L. 608/96, come modificato dall’art. 1, comma 1180, L. 296/06). Al momento dell'assunzione va consegnata la relativa lettera al lavoratore (art. 19, co. 2, D.Lgs 276/2003).

2- Se il datore assume una collaboratrice convivente é necessario comunicarlo anche all'autorità di pubblica sicurezza del Comune presso il quale si svolge il rapporto di lavoro (oppure alla Questura).
Va comunicata la cessione del fabbricato come da art. 12 del D.L. n. 59 del 21.03.1978 (convertita in L. 191 del 18 maggio 1978) e nel caso di ospitalità fornita ad uno straniero, anche la dichiarazoine di ospitalità come stabilito dall'art. 7 del D.Lgs. n. 286 del 25.07.1998.

3- Per la comunicazione di trasformazione, proroga e cessazione va effettuata una comunicazione all'Inps entro 5 giorni successivi all’evento (art.4 bis D. Lgs  181/00 e art. 21, L. 264/49 come modificato dall’art.6, comma 3, D.Lgs  297/2002).

4- In merito al pagamento dei contributi Inps trimestrali la scadenza é fissata 10 giorni dalla fine del trimestre quindi:

- 1° trimestre (contributi di gennaio-marzo) si possono versare dall'1 al 10 aprile;

- 2° trimestre (contributi di aprile-giugno) si possono versare dall'1 al 10 luglio;

- 3° trimestre (contributi di luglio-settembre) si possono versare dall'1 al 10 ottobre;

- 4° trimestre (contributi di ottobre-dicembre) si possono versare dall'1 al 10 gennaio dell’anno successivo.

Se il 10 cade di sabato il termine rimane il 10. Se, invece, tale termine cade di domenica, la scadenza verrà posticipata al giorno 11.

5- Nel caso di cessazione del rapporto di lavoro i contributi dell'ultimo trimestre vanno versati entro 10 giorni dalla data di cessazione del rapporto e quindi dopo 10 giorni dall'ultimo giorno di lavoro/preavviso.

6- In caso di infortunio della collaboratrice, avvenuto quindi nello svolgimento del suo lavoro o nel tragitto casa-lavoro o lavoro casa (c.d. infortunio in itinere), il datore deve fare denuncia all'Inail entro 48 ore. In caso di infortunio mortale la comunicazione va fatta entro 24 ore.
Il datore di lavoro domestico ha l'obbligo di comunicare solamente l'infortunio con prognosi superiore a 3 giorni.

 

SANZIONI LAVORO DOMESTICO

Se il datore non rispetta le scadenze sopra riportate incorre in sanzioni amministrative, diverse in base al caso.

A- Se il datore omette o ritarda la comunicazione in caso di assunzione, trasformazione, proroga o cessazione del rapporto di lavoro, dovrà pagare una sanzione amministrativa alla Direzione Provinciale del Lavoro che va da 100 a 500 euro per ogni lavoratore di cui non si è fatta la comunicazione.

Nel caso in cui il datore provveda alle comunicazioni di cui sopra in ritardo ma comunque entro i 5 giorni successivi alla scadenza del termine, la sanzione sarà minore e pari alla metà della sanzione minima quindi 50 €.

In caso di mancata consegna delle lettera di assunzione é prevista una sanzione pecuniaria da 250 a 1.500 €.

B- In merito alla cessione del fabbricato in caso di mancata comunicazione la L. 191 del 18 maggio 1978 é prevede una sanzione amministrativa che va da 103 a 1.549 €. Per quanto invece concerne la dichiarazione di ospitalità del collaboratore straniero é prevista una sanzione che va da 160 a 1.100 €. E' previsto in entrambi i casi, così come stabilito dall'art. 16 della L. 689/81, il pagamento di un importo ridotto, pari al doppio dell'importo minimo (206 € nel primo caso e 320 € nel secondo), se la sanzione é pagata entro 60 giorni dalla contestazione da parte della Pubblica Sicurezza per mancata o ritardata comuicazione.

C- Con riferimento al versamento dei contributi, secondo quanto stabilito dall'art. 116 della L. 388/2000, le sanzioni variano in base al motivo del mancato pagamento e alla condotta del datore.

- Per il mancato o ritardato pagamento di contributi, relativi a rapporti di lavoro validamente denunciati, il datore é tenuto al pagamento di una sanzione, in ragione d'anno (irrogata a seconda del numero di anni o mesi di ritardo), pari al tasso di interesse di riferimento relativo all'aumento del costo della vita + il 5,5%. La sanzione comunque ha un limite massimo e cioé non puo' essere superiore al 40% dell'importo dei contributi non corrisposti entro il termine previsto.

- Nei casi invece in cui il datore con l'intenzione di non pagare i contributi non effettua la denuncia di assunzione o dichiara il falso la sanzione varia in base a come il mancato versamento sia stato portato alla conoscenza degli entri preposti:

  • se gli enti preposti si accorgono della situazione debitoria, il datore é punito con il pagamento di una sanzione, in ragione d'anno (irrogata a seconda del numero di anni o mesi di ritardo), pari al 30%. Tale sanzione ha un limite che non puo' essere superiore al 60% dell'importo dei contributi non versati.

  • Qualora invece la denuncia sia effettuata spontaneamente dal datore egli é tenuto al pagamento di una sanzione, in ragione d'anno, pari al tasso di interesse di riferimento relativo all'aumento del costo della vita + il 5,5% purchè la denuncia spontanea avvenga entro i 12 mesi successivi alla scadenza che era prevista per il pagamento dei contributi e purchè il versamento sia effettuato entro 30 giorni dalla denuncia stessa.  la sanzione civile non puo' essere superiore al 40 per cento dell'importo dei contributi o premi, non corrisposti entro la scadenza di legge. Le condizioni sono più favorevoli quindi come vediamo in caso di ravvedimento spontaneo del datore.

D- Al datore domestico che non ottempera all'obbligo di comuncazione dell'infortunio superiore a 3 giorni verrà comminata una sanzione pecuniaria che va dai 1.096 a 4.932 € così come disposto dall'art. 55, co. 5, lett. g) del D.Lgs. 81/2008.

 

 

 

Scaricamento manuale

Scarica il manuale in formato pdf cliccando su questo link

Scarica il manuale in pdf

Indice

Introduzione

1. Dati datore
   1.1. Cancella o nascondi datore
   1.2. Aggiungi nuovo datore

2. Dati colf o badante
   2.1. Dati anagrafici
   2.2  Dati anagrafici 2
   2.3. Data assunzione
   2.4. Inquadramento
   2.5. Orario, scatti, ferie
     2.5.1. Orario settimanale
     2.5.2. Orario sempre variabile
     2.5.3. Scatti di anzianità
     2.5.4. Periodo di prova
     2.5.5. Festività
     2.5.6. Ferie

3. Come impostare la paga
   3.1. Trattamento economico
     3.1.1. Paga lorda o netta?
   3.2. Includi tfr, ferie e 13^
   3.3. Formazione della paga
   3.4. Impostazioni paga avanzate

4. Gestisci colf già assunte
   4.1. Procedura per i meno esperti
   4.2. Procedura per i più esperti

5. Assunzione
   5.1. Lettera di assunzione
   5.2. Comunicazione inps
     5.2.1. Delega
     5.2.2. Codice pin inps
     5.2.3. Modalità comunicazione inps
     5.2.4. Consigli comunicazioni inps
     5.2.5. Differenza pin-codice rapporto
   5.3. Cessione fabbricato/ospitalità
   5.4 Informativa sicurezza
   5.5 Sostituzione collaboratore assente

6. Come fare la busta paga
   6.1 Calendario presenze mensili
     6.1.1. Codici utilizzabili inserimento
     6.1.2. Causali particolari
     6.1.3. Esempi inserimento presenze
   6.2. Calcola busta paga
     6.2.1. Malattia
     6.2.2. Assenza/sospensione
     6.2.3. Maternità
     6.2.4. Infortunio
   6.3. Consigli controllo busta paga
   6.4. Capire la busta paga
   6.5. Cedolino scaricabile dalla colf
     6.5.1. Accesso della colf al sito
   6.6 App Webcolf
     6.6.1. Come utilizzare Webcolf da app
     6.6.2. App Webcolf per studi professionali
     6.6.3 App Webcolf per i datori di lavoro privati
 
7. Variazioni del contratto

8. Licenziamento con preavviso

9. Licenziamento senza preavviso

10. Dimissioni senza preavviso

11. Dimissioni con preavviso

12. Cessazione tempo determinato

13. Cessazione decesso datore

14. Licenziamento disciplinare

15. Risoluzione consensuale colf e badanti

16. Anticipo tfr

17. Tredicesima
   17.1 Busta paga tredicesima

18. Stampe per la denuncia dei redditi
   18.1. Cu (ex cud) colf
   18.2. Contributi deducibili datore
   18.3. Spese detraibili badante Cs/Ds

19. Mav contributi
   19.1. Richiesta massiva mav (studi)
   19.2. Come fare mav online
   19.3. Mav cessazione
   19.4. Contributi Cas.sa colf

20. Funzioni di Webcolf per gli studi professionali

21. Copie archivio Webcolf

22. Capire il costo di colf e badanti

23. Verifica la paga di colf e badanti nel caso di vertenza

24. Gestione profilo webcolf


Appendice
Contratto colf e badanti 2020