Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: nuovi minimi retributivi 2012

Re:contratto badanti 6 Anni 10 Mesi fa #3236

  • Paolo
  • Avatar di Paolo Autore della discussione
Ma danno proprio i numeri, questi sindacati.

Mi sono soffermato su una delle proposte: l'innalzamento a 150 del monte ore per corsi di formazione.
A parte che ormai la badante me la sono formata io, standole appresso per un paio di mesi, tutti i giorni, per adeguarla alle MIE esigenze (non tutti hanno bisogno di badanti che sappiano usare un defibrillatore o la TAC, ma spesso basta che sappiano cambiare un pannolone e non facciano casino con le scatole dei farmaci), la cosa che mi fa veramente imbestialire è che non si rendono conto che 150 ore equivalgono quasi ad un altro mese di ferie, altrettanto retribuito. Il che si potrebbe risolvere, avendone i mezzi, procurandosi una sostituta non per 1 ma per 2 mesi. Ma i corsi li fanno, se non sbaglio, distribuiti nell'arco di qualche mese. Il che significa che oltre a non poter fare ferie, sostituire io la badante ogni santo giorno per il riposo di due ore, la mezza giornata, TUTTE le domeniche e festività varie, il giorno del LORO Natale, il giorno del patrono del mio paese che festeggiano solo loro e che ho saputo da loro in che giorno cade, dovrò sostituirla anche quando va a studiare per chiedermi poi un avanzamento di categoria.
NON CI STO. Se passa 'sta piattaforma la licenzio. E le dico anche il motivo, visto che diventa obbligatorio: la licenzio per inutilità. Se devo stare con mia zia tutti i giorni, la badante non mi serve a nulla. E mi costa di meno pagare a prestazione una infermiera professionale quando mi serve davvero (e mi faccio fatturare così detraggo).

Re: Piattaforma dei datori di lavoro 6 Anni 10 Mesi fa #3237

  • anonimo
  • Avatar di anonimo Autore della discussione
P.s: ho detto alla signora che in questo paese dovrebbero istituire un albo badanti perchè noi non sappiamo chi ci tiriamo in casa. Ha risposto che ogni comune ce l'ha. Io ho detto il mo no....ed allora pronta mia ha risposto:" vede è colpa del suo comune...non nostra...che ci possiamo fre noi!!"
A qualcuno risulta sta cosa dell'albo presso i comuni....o è la classica "sola" da romani??

Re: Piattaforma dei datori di lavoro 6 Anni 10 Mesi fa #3238

  • anonimo
  • Avatar di anonimo Autore della discussione
una meraviglia questa piattaforma!! aumentano la ns quota di contributi, le loro ferie, le loro indennità...non possiamo più licenziarle...se le portiamo in montagna o al mare con l'anziano oltre che a pagarle le ferie le dobbiamo pagare la trasferta!! ci svuotano le tasche ed i frigoriferi e dobbiamo anche aumentargli l'indennità vitto ed alloggio....a casa loro questi mangiano cavoli e patate e qui viaggiano a Parmacotto!!



www.filcams.cgil.it/Info.nsf/0/08e76bafb43a3e3dc12578db002a7389/$FILE/260711_CCNLLavoroDomestico_PiattaformaFilcams.pdf

Cominciamo a farci sentire 6 Anni 10 Mesi fa #3255

Io sono dell'idea di cominciare a mandare qualche segnale.....non so quanti hanno scritto su questo Forum e su questo argomento perché molti o non sono registrati o postano senza fare l'accesso.
Dico però che 1800 visite non sono uno scherzo e quindi chi è d’accordo cominci a mandare una mail alla Sedi nazionali delle associazioni dei datori di lavoro domestico e alle associazioni sindacali nazionali e anche ai sindacati dei pensionati (SPI etc che sono sempre molto presenti…..) con il seguente oggetto: Rinnovo contratto lavoro domestico e nel corpo del testo:

Come datore di lavoro di un’Assistente familiare (comunemente badante), cioè come famiglia composta da persone che lavorano (se fortunate), e risentono della drammatica crisi che sta vivendo tutto il Paese, ho letto notizie sulle diverse piattaforme in discussione in previsione del rinnovo del CCNL.
Invito i destinatari di questa mail a prendere visione dei commenti presenti su questo Forum

www.webcolf.com/webcolf-programma/3108-nuovi-minimi-retributivi-2012.html

per cercare di farsi una prima idea sulla esasperazione e sullo stato di preoccupazione che vivono molte famiglie. Non è possibile dimenticare che si sta parlando di due parti entrambe deboli, e senza tutele. Non si può considerare una famiglia alla stregua di un’azienda . Le famiglie non ce la fanno più. Sempre più spesso sono costrette a rinunciare alla badante. Quando le famiglie saranno in ginocchio e le badanti senza lavoro e rimpatriate, quale risultato si sarà ottenuto?
Pensateci.

Nome e Cognome (se volete)

Saluti e Baci


Se poi conoscete persone che hanno una badante e non conoscono Webcolf fate un po’ di pubblicità che le catene di Sant’Antonio funzionano sempre……..basta mandare una Mail con il link al Forum ed il resto vien da sé.
Aggiungo il risultato di una ricerca sui possibili destinatari

Fisascat Cisl <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>
UIltucs Uil <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>
Fidaldo <non ho trovato nemmeno la mail……>
Domina <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>
Assindatcolf <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>
Filcams CGIL <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>
SPI <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>

Re: Cominciamo a farci sentire 6 Anni 10 Mesi fa #3258

  • anonimo
  • Avatar di anonimo Autore della discussione
Io ho mandato un'email alla ministro Fornero ed alla Fidaldo non ho avuto alcuna risposta la segreteria della ministra sono solo sicura che l'ha letta.
Aggiungo che in paese dove si sta non solo mettendo in discussione l'art 18 non è possibili che per questa categoria ci sia così tanta attenzione e partecipazione intimando addirittura ai datori di lavoro di dover motivare un licenziamento che è altresì evidente: o mi costi troppo e non ti posso più tenere o non ti comporti come si deve...oppure troviamo anche qualche badante che non viaggia con il proprio contratto in tasca e magari quando gli chiedi di andare dal dottore a ritirare una carta non accampa duemila scuse!!
Questo mi fa pensare che dietro ci siano degli interessi da parte di chi li difende....possibiii vertenze e quindi guadagni sicuri visto che noi abbiamo sempre torto..perchè cerca cerca qualcosa che non abbiamo rispettato del loro contratto ci sarà di sicuro.....addirittura chiedono che venga aumentato il riconoscimento del periodo di malattia!! come se dover pagare due persone per un mese per vederne lavorare una sola (e non so dove le metti tutte e due) sia cosa da poco. Perché non chiedono all'Inps che riconosca la malattia come per tutte le aziende? visto che paghiamo dei contributi a persone che non avranno mai la pensione??
Aggiungo a conferma che pensano solo ai loro interessi : chiedono che nel contratto venga specificato che dobbiamo - anche - obbligatoriamente pagare la CASSA COLF, così se non la paghiamo (e stabiliranno loro quanto) ci faranno la vertenza!! E' un'assurdità visto che l'INPS questo versamento alla CASSA COLF non lo considera nei MAV trimestrali..e quando chiami il call center ti dicono che non è da pagare ed allora????
E' semplicemente un modo per creare e dare da mangiare ad associazioni che se no non esisterebbero ..allora se dobbiamo pagare sta CASSA COLF perché non provvede a pagare la malattia alle badanti?? invece che in definitiva di soldi ne incamera e ne tira fuori sicuramente pochissimi visto che queste sono tutte esentate dal ticket....
ed allora noi cosa paghiamo??? cosa assicuriamo??? se cade dalla scala quando lava i vetri???? quante badanti fanno questo tipo di lavoro??? pochissime....e siamo poi sicuri che in caso di incidente domestico questi effettivamente paghino o semplicemente ci troveremo un'altra causa tra capo e collo e saremo sempre noi che dovremo pagare??? Qualcuno ha letto una brochure di questi signori con nel dettaglio cosa garantiscono e pagano???

Re: nuovi minimi retributivi 2012 6 Anni 10 Mesi fa #3265

  • Paolo
  • Avatar di Paolo Autore della discussione
Ho visto solo ora i nuovi importi dei contributi INPS. Aumento del 3% a carico del datore di lavoro, e nessuno aumento a carico del lavoratore. Altri 80 euro all'anno, ovviamente nemmeno deducibili, perchè il limite di 1500 e rotti è da un bel po' che l'abbiamo superato.
Sommati ai 300 di adeguamento ISTAT sto a 380, cioè 30 al mese in più, a fronte dei 3,36 netti di rivalutazione pensione che l'Inps mi ha concesso.
Non ci sono dubbi: SIAMO NOI LA PARTE DEBOLE, CHE NON HA TUTELE. Siamo dimenticati dallo stato sociale, considerati mucche da mungere dal governo, rappresentati per finta nelle trattative contrattuali, ricattati dalle badanti, che forti del fatto che per noi sostituirle è comunque faticoso e ci costa tanto tempo e tanta ansia si allargano giorno per giorno, e, dulcis in fundo, sistematicamente soccombenti nelle vertenze prontamente aperte da quegli stessi sindacati che abbiamo ingrassato con anni ed anni di iscrizione.
E tutto perchè abbiamo scelto di far sopravvivere un po' di più i nostri anziani...
Lo ribadisco: se passa la piattaforma dei confederali ci sarà una badante a spasso. Mors SUA vita mea.

Re: nuovi minimi retributivi 2012 6 Anni 10 Mesi fa #3267

  • Tiziano
  • Avatar di Tiziano Autore della discussione
Tutti questi nuovi balzelli proposti per il rinnovo del contratto non li conoscevo.
Cose da pazzi!!!

Contate su di me per messaggi che invierò agli indirizzi proposti.

Naturalmente anche per il passaparola ai nostri... colleghi.

Tiziano

Re: nuovi minimi retributivi 2012 6 Anni 10 Mesi fa #3268

  • fili
  • Avatar di fili Autore della discussione
io, invece avevo la badante che quando le davo il CUD (più di 15.000 E) mi diceva che lo usava per .........(immaginate cosa) . Dopo 2 anni di quest'andazzo l'ho licenziata e denunciata. Penso sia fuggita per non pare.

Re: nuovi minimi retributivi 2012 6 Anni 10 Mesi fa #3269

  • fili
  • Avatar di fili Autore della discussione
...scusate volevo dire...per non pagare.

Re: nuovi minimi retributivi 2012 6 Anni 10 Mesi fa #3270

  • anonimo
  • Avatar di anonimo Autore della discussione
sono felice che ci sia qualcuno che ha fatto quello che dovremmo fare tutti, senza avere alcun timore di possibili conseguenza. Sono d'accordo con Tiziano e scriverò anch'io l'email come indicato da Paolo agli indirizzi indicati Dovremmo essere tanti e tanti a mandare la stessa e.mail a questo signori che sanno così bene difendere i diritti di queste persone....e poi quando diciamo qualcosa ci tacciano di razzismo!!
Ringrazio vivamente il sig Pierobon che ci da la possibilità di scrivere in questo forum . Se poi non cambierà niente come sempre in questo paese almeno ci saremo sfogati....grazie

Re: nuovi minimi retributivi 2012 6 Anni 10 Mesi fa #3275

  • Paolo
  • Avatar di Paolo Autore della discussione
Leggo che alcuni di noi cercano di contattare la politica pensando di sensibilizzare i governanti sui nostri problemi. Per me è un buco nell’acqua. La scarsa attenzione da parte delle istituzioni è di lunga data, ed è proprio dal disinteresse dello stato sociale che è nato una quindicina d’anni fa il fenomeno badanti, che i altri paesi è marginale. La trasformazione della famiglia, dove i figli si sposano ed escono di casa, il progressivo allungamento della vita, la necessità di cercare il lavoro lontano, l’accesso obbligato delle donne al mondo del lavoro (una volta erano le nuore, le figlie, le sorelle a prendersi cura dei propri anziani) , sono processi che la politica si è ben guardata dall’affrontare in maniera seria. E non cambierà, secondo me, almeno con questi governanti, in particolare questi ‘tecnici’. Basti dare un’occhiata a quanto in rete è pubblicato sul sito del c.e.r.p, per comprendere che l’attuale ministro Fornero si è occupato essenzialmente di sostenibilità economica dei sistemi previdenziali, che la riforma delle pensioni rispecchia alla lettera quanto la Fornero proponeva prima ancora di assumere la carica (Monti l’avrà nominata proprio perchè ne condivide l’impianto) , e che ad esempio il blocco dell’adeguamento istat delle pensioni non nasce dalla gravità della situazione, come sbandierato con pianti, ma è bensì previsto dallo stesso progetto, dove il mancato adeguamento di chi è andato in pensione col sistema retributivo (cioè tutti) è ritenuta giusta penalizzazione per il trattamento di favoritismo ricevuto. Non facciamoci illusioni.

Re: nuovi minimi retributivi 2012 6 Anni 10 Mesi fa #3276

  • anonimo
  • Avatar di anonimo Autore della discussione
L'avere scritto e telefonato a destra ed a manca era soltanto per avere l'ennesima conferma che in questo paese tutte le istituzioni sono completamente assenti. Non ho mai avuto la presunzione e soprattutto l'ottimismo per credere che mai qualcuno mi rispondesse in questo paese se non con le solite frasi di circostanza: " ...abbiamo preso nota della sua segnalazioni che prenderemo in considerazioni..e di cui già eravamo al corrente" insomma lo sapevano già e ci stavano ampiamente lavorando prima che ci sognassimo noi di andarglielo a scrivere!!

Re: nuovi minimi retributivi 2012 6 Anni 10 Mesi fa #3277

  • Paolo
  • Avatar di Paolo Autore della discussione
Non era mia intenzione esprimere critiche al tentativo di sensibilizzazione della politica. Ho voluto porre in evidenza che fra tutte i soggetti che possiamo sperare di smuovere, quello che al momento mi sembra il meno disponibile è l’attuale ministro del lavoro e delle politiche sociali, pur essendo nelle sue competenze l’attenzione alle problematiche delle famiglie. Una risposta della politica, se ci fosse, sarebbe il massimo, ma il momento economico e l’assoluta impossibilità attuale di incrementare la spesa pubblica credo siano un ostacolo oggettivo ad un mutamento che sarebbe epocale. Ben diversa ritengo invece la probabilità di smuovere altri soggetti più direttamente impegnati (o che dovrebbero esserlo) sul rinnovo delle condizioni normative ed economiche. Io stesso ho cercato i contatti, come ho già scritto, all’insegna del ‘tentar non nuoce’.
Quello che più mi infastidisce, di tutta la questione, è la sensazione che non si ha alcuno strumento valido per opporsi. Un datore di lavoro ‘normale’, un’azienda, a fronte di un aumento dei costi del personale può almeno adeguare i prezzi di vendita dei prodotti o servizi. Se non riesce comunque a starci dentro, può ridurre il personale , sospendere temporaneamente la produzione e invocare ammortizzatori sociali, e, extrema ratio, chiudere l’attività. Noi non possiamo far nulla di tutto ciò. Non possiamo neanche fare la ‘serrata’, e lasciare il lavoratore fuori dall’ambiente di lavoro. Noi e i nostri anziani non abbiamo, come ho scritto in precedenza in questo thread, alcun potere contrattuale, e siamo costretti ad accettare , con minaccia velata ma realistica di vertenza, qualunque ignominia ci venga imposta. L’unica cosa che potremmo fare, ed avrebbe sicuramente effetto (ma è solo un sogno): licenziare TUTTI la badante e sostituirla noi, diciamo per un mese(senza dirlo). Allora, sì, saremmo al centro dell’attenzione, con un milione di persone senza lavoro e alloggio che si precipitano tutte insieme negli uffici dei loro beneamati sindacati …

Re: nuovi minimi retributivi 2012 6 Anni 10 Mesi fa #3278

  • Robin Hood
  • Avatar di Robin Hood Autore della discussione
Sono d'accordo con Paolo che il licenziamento in massa sortirebbe qualche effetto, ma non ho la più pallida idea di quale sia la forza contrattuale (diciamo) degli utenti Webcolf, tra l'altro solo quelli che pagano la badante in proprio perchè il professionista non è toccato dal problema.
Una possibilità da mettere in atto è il licenziamento alla scadenza del mese 23 per evitare almeno l'assurdo scatto del 4% con la motivazione: non ho i soldi per pagarti amen.

Re: nuovi minimi retributivi 2012 6 Anni 10 Mesi fa #3279

  • Anonimo
  • Avatar di Anonimo Autore della discussione
In effetti nulla proibisce di fare una assunzione a tempo determinato, inoltre non so voi ma noi permettiamo che la contessa faccia la colazione e la cena della domenica che non le spetterebbero, vogliamo cominciare a metterle in conto (a prezzi correnti ovviamente)?
Tempo creazione pagina: 0.276 secondi
Powered by Forum Kunena

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e usufruire dei nostri servizi online. Se si prosegue nella navigazione si acconsente all’utilizzo. Per scoprirne di più al rigurado visita la nostra Cookies policy.

  Accetto di ricevere cookies da questo sito.