Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO:

Interdizione prorogata 4 Mesi 1 Settimana fa #8158

  • ClaudiaP
  • Avatar di ClaudiaP Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 2
Buongiorno, la colf livello B assunta da più di 2 anni mi ha messo a conoscenza della sua domanda all'Inps per interdizione prorogata inviata il 7/10 ad oggi però non ha ricevuto risposta sulla accettazione, il periodo di obbligatoria post parto scadeva il 14/10.

Lei mi dice che non ha presentato niente all'Ispettorato del lavoro, a differenza dell'anticipata, per motivare l'insalubrità del posto di lavoro, documentazione che mi sembra invece vada allegata alla domanda Inps, quindi non penso sia valida

Io, in accordo con lei, per ora la considero in ferie non essendo per lei possibile riprendere a lavorare.

La collaboratrice mi dice che vuole dimettersi oppure essere licenziata, essendo la bambina nata il 14/7 quindi inferiore ad un anno, è possibile, come si deve procedere?

Non sapendo se si trova ancora in maternità, qualora la domanda venga accettata: quanto deve aspettare per la risposta?, potrei procedere al licenziamento (così riscuoterebbe la disoccupazione) oppure sarebbe nullo?

La lettera di dimissioni che ho visto sul programma deve essere convalidata da qualche parte/modo?

E' sufficiente collegarsi all'Inps con il mio Pin per comunicare le dimissioni o anche ad altri enti? Entro 5 giorni mi sembra, quindi lei non può retrodatarle?

Come deve essere calcolato il preavviso, è a suo carico? con accordo tra le parti i giorni di preavviso possono essere anche di ferie o devo addebitargleli?

Interdizione prorogata 4 Mesi 1 Settimana fa #8159

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 776
Buongiorno,

nel settore domestico la collaboratrice non si può licenziare solo finchè é in stato di gravidanza o in maternità obbligatoria.
L'anno del bambino ha valenza solo nel lavoro subordinato ordinario, non nel settore domestico.

Le confermo che se desidera può licenziare la collaboratrice seguendo la procedura al link www.webcolf.com/notizie-utili-topmenu-20/13-manuale-webcolf/453-licenziamento-senza-preavviso-colf-badante.html
Se la licenzia entro il 31esimo giorno dal termine delle maternità però dovrà corrispondere il doppio del preavviso previsto.

Se invece decidete di procedere con le dimissioni sono spiegate nel dettaglio al link www.webcolf.com/notizie-utili-topmenu-20/13-manuale-webcolf/454-dimissioni-colf-badante-babysitter.html
Solo se le dimissioni avvengono durante il periodo di maternità obbligatoria allora la collaboratrice dovrebbe convalidarle presso l'Ispettorato altrimenti basta la lettera al datore.

Ai link suddetti sono spiegati tutti i passaggi: lettere, come elaborare il cedolino di cessazione con anche le spettanze finali, come fare comunicazione all'Inps ecc.

Cordiali saluti.
Tempo creazione pagina: 0.239 secondi
Powered by Forum Kunena