Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Badante o colf.

Badante o colf. 11 Anni 1 Settimana fa #750

  • Alice
  • Avatar di Alice Autore della discussione
Il mio è un caso particolare: dovrei iniziare un rapporto di lavoro "anomalo" con una cittadina di uno stato comunitario, in cerca di lavoro, ma anche di alloggio. Avendo mia madre anziana e sola, ma completamente autosufficiente, la quale vive in un appartamento con 3 stanze, potrei ospitarla gratuitamente in una camera, senza oneri di luce, acqua e gas, e istaurare con lei un rapporto di badante/colf per una ventina di ore settimanali, garantendo un giorno completamente libero e ferie,ecc..
Pongo queste domande:
- come calcolare la retribuzione mensile?
- devo comunque pagare la tassa di 500 euro?
- quanto dovrei versare di contributi?
- a chi dovrei rivolgermi per avviare la pratica?

Re:Badante o colf. 11 Anni 1 Settimana fa #752

  • mirella
  • Avatar di mirella Autore della discussione
La tassa di 500€ non bisogna pagarla, in quanto si tratta di un'assunzione ex novo; la tassa in questione, infatti, va pagata solo per quei rapporti di lavoro che al 30 giugno 2009 erano in atto da almeno 3 mesi e andrebbe a coprire il mancato versamento dei contributi del periodo suddetto.
Tenga conto che per i lavoratori comunitari non ci sono particolari iter da seguire, se non quelli di una normale assunzione.
Per quanto riguarda la retribuzione, se sua mamma è autosufficiente, potrebbe procedere all'assunzione con un livello B Super, per un massimo di 30 ore settimanali con uno stipendio minimo forfettario di 543,64€. I contributi sarebbero 378,30€ trimestrali (attenzione, non al mese!), di cui 89,70 a carico del lavoratore.
Se le ore di lavoro dovessero essere superiori a 30, allora dovrebbe garantire uno stipendio minimo forfettario di €776,62; per un orario di lavoro di 54 ore settimanali (il max consentito) i contributi salirebbero a €680,94 trimestrali, di cui 161,46 a carico del lavoratore.

Se sua mamma non fosse autosufficiente dovrebbe inquadrare la badante al livello C Super con uno stipendio minimo forfettario di €880,17. I contributi variano a seconda dell'orario di lavoro (per 30 ore i 378 di prima, per 54 i 680 di cui sopra)

Re:Badante o colf. 11 Anni 1 Settimana fa #753

  • mirella
  • Avatar di mirella Autore della discussione
avevo perso di vista le domande. Per le pratiche può rivolgersi tranquillamente ad un centro per l'impiego, che potrà darle una mano.
Potrebbe anche procedere all'assunzione come colf, livello B. La retribuzione minima sarebbe €517,75 per un max di 30 ore settimanali e 724,85 per un max di 54 ore settimanali. Tenga presente che per i collaboratori familiari le retribuzioni non variano in base alle ore realmente effettuate; perciò, ad es, in caso di livello B la retribuzione potrà essere o 517,75 o 724,85

Re:Badante o colf. 11 Anni 3 Giorni fa #762

  • Elsa
  • Avatar di Elsa Autore della discussione
Alice ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

Il mio è un caso particolare: dovrei iniziare un rapporto di lavoro "anomalo" con una cittadina di uno stato comunitario, in cerca di lavoro, ma anche di alloggio. Avendo mia madre anziana e sola, ma completamente autosufficiente, la quale vive in un appartamento con 3 stanze, potrei ospitarla gratuitamente in una camera, senza oneri di luce, acqua e gas, e istaurare con lei un rapporto di badante/colf per una ventina di ore settimanali, garantendo un giorno completamente libero e ferie,ecc..
Pongo queste domande:
- come calcolare la retribuzione mensile?
- devo comunque pagare la tassa di 500 euro?
- quanto dovrei versare di contributi?
- a chi dovrei rivolgermi per avviare la pratica?

e se la madre non convive con la figlia, datore di lavoro, può essere assunta comunque come convivente?oppure essendo convivente con il fruitore del servizio deve pagarla ad ore?
Tempo creazione pagina: 0.210 secondi
Powered by Forum Kunena