Preavviso alla badante in caso di decesso dell'assistito

  • Anonimi
  • Avatar di Anonimi Autore della discussione

PREAVVISO SE CONCESSO VITTO E ALLOGGIO è stato creato da Anonimi

Posted 11 Mesi 1 Settimana fa #9069
Salve, causa decesso dell'assistito, la badante convivente (CS) ha chiesto e ottenuto 2 settimane di permanenza presso l'abitazione del defunto con disponibilità di vitto. In questo caso, insieme al TFR, è giusto che venga richiesto ai familiari del defunto di corrispondere anche il preavviso di 15 giorni, quantificato in € 646,59?
da Anonimi

Risposta da FrancescoPierobon al topic Preavviso alla badante in caso di decesso dell'assistito

Posted 11 Mesi 5 Giorni fa #9073
Buongiorno,

il rapporto con la badante, in caso di decesso dell'assistito, deve essere risolto da parte degli eredi con una lettera di licenziamento che però deve prevedere il preavviso. Può essere pagato come indennità sostitutiva o, diversamente può essere richiesto che svengano svolto, per gli ultimi adempimenti che sempre vi sono a seguito della scomparsa della persona.

Nel caso trattato, quindi, il preavviso può essere considerato nei 15 giorni concessi di permanenza nell'alloggio ma solo se è stata consegnata la lettera di licenziamento. Diversamente, se la lettera di interruzione del rapporto viene consegnata al termine di questo periodo di concessione, il preavviso decorre solo da questo momento successivo e di conseguenza va riconosciuto in modo aggiuntivo o come indennità sostitutiva o come ulteriori prestazioni che potranno essere richieste se di interesse.

Nulla vieta che in caso di preavviso, il collaboratore può richiedere di essere esonerato dallo svolgimento, in questo modo probabilmente raggiungendo l'obiettivo della sua domanda.

Spero di essere stato d'aiuto.
Cordiali saluti.
da FrancescoPierobon
Powered by Forum Kunena