Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: CASSA COLF rinuncia

CASSA COLF rinuncia 1 Anno 2 Mesi fa #7650

  • Anonimi
  • Avatar di Anonimi Autore della discussione
Nel contratto di assunzione, ancora da firmare, la badante convivente è disposta a dichiarare di non volersi iscrivere alla cassa (si supera ampiamente il minimo dei 25 euro). Sono consapevole che si perdono alcuni benefici ma se le parti concordano nel rinunciare a non versare il contributo credo non ci siano problemi.
Nel vostro articolo www.webcolf.com/aspetti-previdenziali-contributi-colf-badanti/cassa-colf.html alla lettera D) scrivete: "Poiché disciplinata dall'art. 49 del Ccnl, il versamento dei contributi di Cassa Colf si intende obbligatorio ma di prassi, le parti possono scegliere se applicarla o meno al rapporto di lavoro instaurato." Non capisco come possono scegliere di non applicarla, visto che nelle -Impostazioni economiche avanzate- il numero 3.2 serve solo nel caso non si arrivi all'importo di 25 euro. Servirebbe un'altra voce per non pagare la Cassa colf nel caso le parti rinunciano nel contratto di assunzione.
Il fatto che, come avete scritto in fondo all'articolo, l'Inps non tiene conto della Cassa perchè non ne è a conoscenza non mi convince pienamente. Voglio dire, se non hanno corretto questo bug dal 2010 non inserendo l'importo in automatico, mi fa pensare che non sia una dimenticanza e che nemmeno loro credano più di tanto all'obbligatorietà del contributo e che magari non vogliono prendersi questa responsabilità.

CASSA COLF rinuncia 1 Anno 2 Mesi fa #7651

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 703
Buongiorno,

l'Inps non indica sul mav la cassa colf perchè ci sono due Ccnl colf e badanti: Fidaldo ed Ebilcoba infatti se elabora i mav in Inps ci sono due casse assistenziali tra cui scegliere e inoltre può essere che la cassa non sia applicata dalle parti perchè la collaboratrice ha un solo rapporto di lavoro e non si arriva ai 25 € richiesti, sarebbero soldi buttati sia per il datore che la collaboratrice.

Se si applica il Ccnl Fidaldo, utilizzato dalla quasi totalità dei datori, la Cassa colf é obbligatoria come sancito dal Ccnl e dal regolamento della stessa Cassa colf.

Cordiali saluti

CASSA COLF rinuncia 1 Anno 2 Mesi fa #7652

  • Anonimi
  • Avatar di Anonimi Autore della discussione
Grazie per la risposta. Il contributo è obbligatorio e va pagato.
Mi scuso se questa domanda è stata già fatta più che altro è una curiosità: perchè essendo obbligatorio Cassa colf non rivendica i contributi arretrati? Leggevo il loro regolamento all'art.5 dove oltre all'obbligatorietà è scritto che in caso di non versamento non sono responsabili dei danni subiti dal lavoratore. Nulla si dice in tutto il regolamento sul recupero dei contributi non versati. Forse, magari mi sbaglio, potrebbero farlo anche se non è citato nel regolamento?

CASSA COLF rinuncia 1 Anno 2 Mesi fa #7653

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 703
Buongiorno,

no la Cassa non invia avvisi bonari per mancato versamento come l'Inps ma semplicemente stabilisce: "Il versamento dei contributi contrattuali è un obbligo contrattuale (Art. 52 del CCNL). Il mancato versamento potrebbe generare un contenzioso con il dipendente per il mancato rimborso delle spese sanitarie coperte dalla Cassacolf".

Cordiali saluti.
Tempo creazione pagina: 0.209 secondi
Powered by Forum Kunena