Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Colf suddivisa in due appartamenti

Colf suddivisa in due appartamenti 1 Anno 5 Mesi fa #7585

  • fabyale
  • Avatar di fabyale Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 3
Ho una colf che vorrei lavorasse per tre giorni a settimana a casa mia e per due giorni a settimana a casa di mia figlia. Io sarei l'unico datore di lavoro e la pagherei io. Come devo fare per essere in regola?

Colf suddivisa in due appartamenti 1 Anno 5 Mesi fa #7586

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 715
Buongiorno,

spieghiamo nel dettaglio la procedura di assunzione al link www.webcolf.com/risorse/webcolf-manuale/assunzione-colf-badante-baby-sitter-come-fare.html
In fase di comunicazione di assunzione sul sito inps non è possibile indicare più luoghi di lavoro.
Ci sono però tre casi in merito:
1) se lei è proprietario di tutte le sedi: allora indichi all'inps semplicemente una delle sedi (non è possibile indicarne due), poi nella lettera di assunzione le indichi tutte ed, eventualmente, invii una raccomandata all'inps specificando che le sedi di lavoro per il rapporto di lavoro domestico n°............ sono ......................, precisando tutti gli indirizzi;
2) se si tratta di più datori di lavoro diversi con sedi diverse e pagamenti della retribuzioni differenziati, é necessario fare contratti diversi, con datori differenti;
3) se il datore è uno solo perchè è lei che paga la colf e organizza il lavoro mandando la collaboratrice anche a casa di altri familiari, può mantenere uno stesso contratto con una sola gestione.
Le consiglierei comunque di inviare una raccomandata all'inps a suo nome specificando che lei è unico datore di lavoro, sia a livello di organizzazione del lavoro e sia a livello di retribuzione e che la lavoratrice svolge, su suo ordine, anche delle mansioni di colf a casa dixxxxxxxxxxxxx e che richiede aggiunta di un ulteriore luogo di lavoro per avere una copertura in caso di infortunio che comprenda anche questa possiblità (raccomandata da tenere in caso di contestazioni).
Qui sotto le copio un esempio di lettera:

Il sottoscritto x y, codice fiscale .........., nato a ......in via......... città (provincia), avendo stipulato con la sig.ra................................. , codice fiscale......................., un contratto di lavoro domestico il cui codice rapporto è ..............................

dichiaro:

- di essere l'unico datore di lavoro della sig.ra x;
- di organizzare il lavoro in due luoghi diversi in base alle esigenze;
- di aver concordato per iscritto questa possibilità con la mia collaboratrice;
- di richiederle di lavorare, quindi, sotto la mia sorveglianza, a casa mia e anche a casa di xxxxxxxxxxxxxxxxxx
- di pagare io stesso la retribuzione di tutte le ore complessive lavorate nei due posti di lavoro;
- di pagare io stesso tutti i contributi derivanti da tali prestazioni;

e per questi motivi chiedo di

aggiungere un ulteriore luogo di lavoro alla mia denuncia di rapporto di lavoro domestico per essere assicurato nel caso di infortunio in entrambi i luoghi sopraddetti.
Queste sono le due sedi:xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Pregandovi di modificare l'archivio porgo cordiali saluti
luogo e data
firma del datore: x, y
firma della collaboratrice: x, y

N.B.: se l'Inps le risponde che non è possibile indicare più luoghi di lavoro non si preoccupi, la cosa importante è inviare la comunicazione ed avere uno scritto in caso di contestazioni.
Comunque se il datore manda a fare le pulizie il proprio collaboratore in altra sede, oppure a fare la spesa, oppure dal medico ecc...è comunque coperto dall'INAIL.

Cordiali saluti

Colf suddivisa in due appartamenti 1 Anno 5 Mesi fa #7587

  • fabyale
  • Avatar di fabyale Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 3
Grazie per gli esaurienti chiarimenti. Seguirò le vostre istruzioni. Cordiali saluti.

Colf suddivisa in due appartamenti 1 Anno 4 Mesi fa #7614

  • fabyale
  • Avatar di fabyale Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 3
Ho fatto quello che mi avete suggerito, cioè ho inviato raccomandata AR all'Inps per comunicare che la colflavora anche nell'appartamento di mia figli, pur essendo io l'unico datore di lavoro.
La risposta e mail dell'Inps è la seguente: "Le precisiamo che lei non può procedere con la segnalazione dell'esistenza di un rapporto di lavoro domestico presso una terza persona, anche se trattasi dello stesso lavoratore della cui collabora<ione lei si avvale. La diretta interessata sig.ra XXXXXX, dovrà effettuare direttamente l'iscrizione sulsito www.Inps.it . Se volesse mantenere lei l'intestazione del contratto come datore do lavoro domestico per il lavoro svolto presso un'altra abitazione, deve procedere all'iscrizione di un nuovo rapporto di lavoro, specificando che il luogo di svolgimento dell'attività lavorativa non è quello della sua residenza, bensì quello della terza persona purchè si tratti di suo stretto parente o affine".
Quindi, devo fare due contratti identici cambiando solo il luogo di lavoro. Questo comporterà doppia gestione del lavoratore con notevole aggravio in termini di tempo e di scocciature varie per buste paga, contributi, ferie ecc.
Perchè complicare in questo modo la vita di un cittadino che vuole fare le cose in regola ma non essere vessato dalla burocrazia? andrà a finire che dirò a mia figlia di arrangiarsi e dimezzerò le ore di lavoro tenendo la colf solo per il mio appartamento.

Colf suddivisa in due appartamenti 1 Anno 4 Mesi fa #7616

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 715
Buonasera,

ritengo che la risposta dell'inps vada valutata: se lei esercita il potere direttivo della colf, organizza lei i lavori da svolgere, la situazione potrebbe anche rimanere così. L'importante è averlo segnalato: in questo modo direi che vi è copertura in caso di infortunio che dovesse succedere nella seconda sede di lavoro.

Se invece durante i lavori da sua figlia lei è presente e le dice cosa fare, l'INPS ha ragione e il rapporto andrebbe suddiviso.

Cordiali saluti.

Colf suddivisa in due appartamenti 1 Anno 4 Mesi fa #7617

  • Anonimi
  • Avatar di Anonimi
Grazie per la risposta, ma il tono mi sembra molto dubitativo e non mi dà la certezza della copertura assicurativa della colf quando lavora nell'appartamento di mia figlia. E' ovvio che non posso correre il rischio di contestazioni in caso di infortunio, anche se sono io a dirigere e coordinare il lavoro domestico in entrambe le abitazioni. Dovrò fare due contratti separati, ma questo comporterà doppie ferie, cioè 26 giorni annui per ciascun contratto? Considerato che io e mia figlia non facciamo le ferie nello stesso periodo, mi sembra complicato da gestire. Potete darmi suggerimenti? Grazie

Colf suddivisa in due appartamenti 1 Anno 4 Mesi fa #7618

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 715
Buonasera,

il costo di due contratti non è maggiore di un solo contratto, a parità di ore.
Peraltro se il godimento delle ferie coincide nello stesso momento per i due datore di lavoro, la colf consumerà 26+26=52 giorni di ferie in un mese! Ma l'equivalente economico è pari a quello di un unico rapporto.

Peraltro webcolf permette di gestire fino a 3 datori di lavoro diversi quindi non le aumenta nemmeno il costo amministrativo!....

Rimango a sua disposizione.

Colf suddivisa in due appartamenti 1 Anno 4 Mesi fa #7619

  • Anonimi
  • Avatar di Anonimi
Grazie per la risposta esauriente.
Cordiali saluti.
Tempo creazione pagina: 0.235 secondi
Powered by Forum Kunena