Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO:

Trasferta colf e due Sedi di Lavoro 2 Anni 2 Mesi fa #7355

  • AGERCOLF
  • Avatar di AGERCOLF Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 6
Buongiorno,
volevo porvi questo quesito.
Una colf (in questo caso NON CONVIVENTE) può avere due sedi di lavoro?
Mi spiego meglio; si tratta di un caso di servizio pulizie per determinati giorni nella sede principale (definita nel contratto di lavoro) e altri giorni della settimana in una sede diversa in altra provincia.
Vi è capitato questo caso?A livello di copertura assicurativa (INAIL - Infortunio in itenere o domestico) si può inviare una colf in altra sede con l'utilizzo del proprio mezzo?
Grazie mille.

Trasferta colf e due Sedi di Lavoro 2 Anni 2 Mesi fa #7356

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 726
Buongiorno,

in fase di comunicazione dell'assunzione sul sito Inps non é permessa l'indicazione di due luoghi di lavoro ma solamente di uno.
Il datore di lavoro domestico comunque può concordare con la collaboratrice, (specificandolo nella lettera di assunzione), che il lavoro venga svolto occasionalmente presso una seconda sede.

Al fine della copertura in caso di infortunio, le consiglio di inviare una raccomandata all'Inps a suo nome specificando che lei è unico datore di lavoro, sia a livello di organizzazione del lavoro e sia a livello di retribuzione e che la lavoratrice svolge, dietro sua richiesta, mansioni di colf anche in un'altra sua abitazione.

Di seguito le riporto un fac-simile di lettera che può utilizzare a tal fine.

Io sottoscritto ..............., codice fiscale ............., nato a ..........in via............. città........ (provincia)..., avendo stipulato con la sig.ra................................. , codice fiscale......................., un contratto di lavoro domestico il cui codice rapporto è ..............................

dichiaro:

- di essere l'unico datore di lavoro della sig.ra ........;
- di organizzare il lavoro in due luoghi diversi in base alle esigenze;
- di aver concordato per iscritto questa possibilità con la mia collaboratrice;
- di richiederle di lavorare, quindi, sotto la mia sorveglianza, nelle mie due abitazione site a..........;
- di pagare io stesso la retribuzione di tutte le ore complessive lavorate nei due posti di lavoro;
- di pagare io stesso tutti i contributi derivanti da tali prestazioni.

Per questi motivi chiedo di aggiungere un ulteriore luogo di lavoro alla mia denuncia di rapporto di lavoro domestico per essere assicurato nel caso di infortunio in entrambi i luoghi sopra indicati.

Pregandovi di modificare l'archivio porgo cordiali saluti
luogo e data
firma del datore: .....
firma della collaboratrice:.......

Cordiali saluti.

Trasferta colf e due Sedi di Lavoro 2 Anni 2 Mesi fa #7357

  • AGERCOLF
  • Avatar di AGERCOLF Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 6
Buongiorno,

la ringrazio per la risposta.
Volevo, per chiudere l'argomento, chiederle se in questa fattispecie definendo nella lettera la possibilità di prestare l'attività anche in una sede secondaria, come stabilito dall'art.32,c.2 non si debba erogare la diaria?ma solamente il rimborso delle spese viaggio?
Inoltre secondo lei nei giorni che la collaboratrice presta servizio nella sede secondaria andrebbe fatta una lettera di "missione" ?
Grazie mille.

Trasferta colf e due Sedi di Lavoro 2 Anni 2 Mesi fa #7358

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 726
Buongiorno,

nel suo caso non si parla di trasferta temporanea della collaboratrice ma proprio di svolgimento delle mansioni in due luoghi diversi. Come stabilisce l'art. 32 infatti "Il lavoratore é tenuto, ove richiesto dal datore di lavoro, a recarsi in trasferta ovvero a seguire il datore di lavoro o la persona alla cui cura egli è addetto, in soggiorni temporanei in altro comune e/o in residenze secondarie".
Mi sembra di capire invece che nel suo caso la collaboratrice svolgerà le sue mansioni di pulizia della casa principalmente in una sede ma ogni tanto le verrà chiesto di fare ciò anche in un'altra abitazione e non quindi di seguire il datore nel luogo di vacanza o villeggiatura nella sua seconda casa.
Alla collaboratrice che svolge le sue mansioni in due luoghi diversi suggerisco semplicemente di corrispondere una paga un po' più alta di quella sindacale dato il maggior carico di lavoro richiesto.

Per concordare tutto ciò, come le anciticipavo, sarà sufficiente concordare la cosa per iscritto nella lettera di assunzione.

Cordiali saluti.
Tempo creazione pagina: 0.240 secondi
Powered by Forum Kunena