Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: VARIAZIONE ORARIO DI LAVORO

VARIAZIONE ORARIO DI LAVORO 2 Anni 1 Mese fa #7146

  • VALETINA
  • Avatar di VALETINA Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 2
Buongiorno,
per il mio collaboratore domestico, assunto a 25 ore settimanali (5 giornaliere dalle 8.00 alle ore 13.00) ho necessità di variare l'orario in base a delle mie esigenze personali (visite mediche, commissioni, ecc..).
Le ore di lavoro sarebbero sempre 5 giornaliere ma potrebbe dover lavorare il pomeriggio piuttosto che la mattina, come posso ufficializzare questo orario variabile?
Premesso che pensavo di indicarlo per iscritto al dipendente, come mi comporto con gli Enti Inps e Inail?
E ancora, se dovessi variare occasionalmente il luogo di lavoro (ho bisogno di un aiuto presso la casa dei miei genitori), è sufficiente comunicare la cosa a mezzo raccomandata all'INPS e all'INAIL?
Certa di un riscontro porgo cordiali saluti.
Valentina

VARIAZIONE ORARIO DI LAVORO 2 Anni 1 Mese fa #7156

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 550
Buongiorno,

la variazione di fascia oraria non ha effetto nè per l'Inps nè per Webcolf: in Inps infatti vanno indicate solamente le ore totali settimanali e in Webcolf le ore totali giornaliere. Le consiglio comunque di mettere per iscritto la cosa in modo che risulti un accordo tra lei e il collaboratore nel cambio della collocazione temporale della prestazione.

Relaativamente alle prestazioni a casa dei suoi genitori, in generale i casi sono due:
- se si tratta di due datori di lavoro diversi con sedi diverse e pagamenti della retribuzioni differenziati, é necessario fare due contratti diversi, con due datori differenti;
- se il datore è uno solo perchè è unico chi paga la colf e organizza il lavoro inviando la collaboratrice anche a casa di un altro familiare, può mantenere uno stesso contratto con una sola gestione.

In quest'ultimo caso Le consiglierei di inviare una raccomandata all'inps a suo nome specificando che lei è l'unico datore di lavoro, sia a livello di organizzativo che retributivo e che la lavoratrice svolge, dietro suo ordine, anche delle mansioni di colf a casa di ********* e che richiede l'aggiunta di un ulteriore luogo di lavoro per avere una copertura in caso di infortunio (raccomandata da tenere in caso di contestazioni).

Cordiali saluti
Tempo creazione pagina: 0.213 secondi
Powered by Forum Kunena