Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Badante convivente

Badante convivente 3 Anni 6 Mesi fa #6927

  • Anonymous
  • Avatar di Anonymous Autore della discussione
Buongiorno
Io e mio marito viviamo con mio padre e la sua badante convivente con residenza, assunta alle mie dipendenze.
Nel suo contratto è previsto che garantisce la sua presenza tutte le notti escluso il sabato per permetterle di godere delle 36 ore di riposo previste dal ccnl.
Fino ad un mese fa usciva il sabato alle 13 e tornava la domenica sera. Ora, invece, il sabato alle 13 si chiude in camera e non si fa vedere a volte fino al lunedì mattina.
Posso invitarla a stare fuori la notte visto che il suo contratto non prevede la sua presenza il sabato notte? Se si fa male mentre è in casa ma nelle 36 ore di riposo, sono assicurata dall'inail? Se no come posso tutelarmi?
Mi sembra paradossale dover cercare di non far rumore per un giorno e mezzo in casa mia perché lei sta riposando e mi può accusare di non lasciarla riposare a sufficienza.
Naturalmente in quel frangente usufruisce di luce, acqua, riscaldamento, wi-fi. Posso addebitarle qualcosa?
Grazie
Saluti

Badante convivente 3 Anni 6 Mesi fa #6934

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 703
Buongiorno,

il CCNL prevede che la collaboratrice possa uscire durante gli orari di riposo previsti per legge. Tuttavia, avendo la residenza, non può essere obbligata ad uscire dall'abitazione.
Inoltre, trattandosi di convivenza, il CCNL non prevede alcuna trattenuta per l'utilizzo di utenze come luce, acqua, riscaldamento, wi-fi. Eventualmente é sempre possibile firmare un accordo tra le parti.
Nel caso di infortunio l'INAIL non erogherebbe alcuna indennità se l'evento accadesse durante le ore di riposo della badante. Infatti nella denuncia devono essere inseriti l'orario di lavoro e giorno e ora nei quali si é verificato l'evento.

Rimango a disposizione.
Tempo creazione pagina: 0.227 secondi
Powered by Forum Kunena