Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO:

congedo matrimoniale 4 Anni 5 Mesi fa #6638

  • allievic
  • Avatar di allievic Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 1
buongiorno,
la badante di mio papà ha deciso di sposarsi con un italiano. volevo sapere se in termini di contratto cambia qualcosa dato che avrà diritto alla cittadinanza italiana e se sì cosa devo fare.
Inoltre, vorrei sapere se ha diritto al congedo matrimoniale e se questo può essere posticipato e se sì entro quanto tempo.
grazie mille
cordiali saluti

congedo matrimoniale 4 Anni 5 Mesi fa #6641

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 726
Buongiorno,
1. La cittadinanza italiana si acquisisce per matrimonio con cittadino/a italiano/a, a seguito di decreto di concessione del Ministero dell'interno, previa domanda al Prefetto competente, in presenza di tutti i seguenti requisiti:

residenza legale in Italia per un periodo di almeno 2 anni dopo il matrimonio;
iscrizione/trascrizione del matrimonio in Italia, sui registri di stato civile;
assenza di condanne penali nei casi indicati dalla legge;
assenza di impedimenti connessi alla sicurezza nazionale;
decorrenza di tre anni dalla data di matrimonio, qualora l'interessato/a sia residente all'estero.

La domanda, per i residenti in Italia si presenta al Prefetto.

A seguito del cambio di nazionalità della collaboratrice sarà sufficiente variare i dati andagrafici della stessa nel programma entrando in Assunzione|dati standard Collaboratore.

2. il congedo matrimoniale viene regolato dall'art. 23 del contratto collettivo e prevede:

Art. 23
(Matrimonio)
1. In caso di matrimonio spetta ai lavoratore un congedo retribuito di 15 giorni di calendario.
2. Al lavoratore che usufruisca del vitto e dell'alloggio spetta, per il periodo del congedo, ove non usufruisca durante tale periodo di dette corresponsioni, il compenso sostitutivo convenzionale.
3. La retribuzione del congedo sarà corrisposta a presentazione della documentazione comprovante l'avvenuto matrimonio.
4. Il lavoratore potrà scegliere di fruire del congedo matrimoniale anche non in coincidenza con la data del matrimonio, purché entro il termine di un anno dalla stessa e sempreché il matrimonio sia contratto in costanza dello stesso rapporto di lavoro. La mancata fruizione del congedo a causa di dimissioni del lavoratore non determinerà alcun diritto alla relativa indennità sostitutiva.

In webcolf si indica per i 15 gg di calendario la voce BE senza specifica di ore comprese le domeniche.

Cordiali saluti.
Tempo creazione pagina: 0.188 secondi
Powered by Forum Kunena