Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Residenza alla badante convivente

Residenza alla badante convivente 4 Anni 6 Mesi fa #6541

  • Margherita S.
  • Avatar di Margherita S. Autore della discussione
Buongiorno, la badante peruviana convivente ci ha chiesto la residenza. Cosa vuol dire, siamo obbligati a darla e che rischi corriamo anche nell'eventualità di un futuro licenziamento? Qual è l'ufficio presso il quale va fatta la pratica? Devo precisare che al momento dell'assunzione, quattro mesi fa, avevamo inviato, tramite raccomandata A.R. al commissariato di zona il modello per la denuncia di OSPITALITA' del lavoratore convivente. Basta questo o ci sono altri passi da fare? Grazie

Residenza alla badante convivente 4 Anni 6 Mesi fa #6555

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 703
Buongiorno,

se la collaboratrice ha già una residenza in Italia non é obbligata a concederla. Se tuttavia la collaboratrice si trovi nell'impossibilità di mantenere la residenza che aveva in precedenza, é necessario indicare quella del datore di lavoro o comunque dove si svolge il rapporto di lavoro e di convivenza e la pratica viene svolta presso gli uffici del Comune dove si trova l'abitazione del servizio domestico.

Non sorge alcun problema in merito e in caso di licenziamento, terminando il rapporto di lavoro e convivenza le basterà comunicarlo allo stesso ufficio comunale ove ha richiesto la residenza.

Cordiali saluti

Residenza alla badante convivente 4 Anni 6 Mesi fa #6559

  • Margherita S.
  • Avatar di Margherita S. Autore della discussione
Ho capito, grazie. Questa comunicazione al comune comporterà anche un aumento sulla tassa dei rifiuti? In tal caso spetta al lavoratore pagare la sua parte, spero. Volevo chiederle anche se, una volta concessa la residenza, il lavoratore può acquisire il diritto ad ospitare eventuali parenti. La ringrazio ancora. Margherita S.

Residenza alla badante convivente 4 Anni 5 Mesi fa #6572

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 703
Buongiorno,

non mi sembra che l'ospitalità comporti un aumento sulla tassa dei rifiuti, essendo la TARI legata alla superficie dell'immobile (le consiglio comunque di verificare la delibera per il suo specifico comune in quanto può variare a livello nazionale).

Comunque in generale si può far concorrere la collaboratrice domestica ad eventuali spese per luce, etc., salvo la specifica locazione delle stanze o il vitto che invece vanno corrisposti o in natura (e quindi gratis) o come indennità sostitutiva.

Direi comunque che la specifica situazione va valutata di volta in volta: se non si può far concorrere alle spese una collaboratrice convivente per cui si mette a disposizione una singola stanza all'interno dell'abitazione del datore di lavoro, può invece partecipare alle spese la collaboratrice domestica che gode di un alloggio separato nel quale magari trasferisce anche altri familiari.

Cordiali saluti.
Tempo creazione pagina: 0.226 secondi
Powered by Forum Kunena