Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO:

Retribuzione badante convivente part-time 5 Anni 9 Mesi fa #6110

  • estro57
  • Avatar di estro57 Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 1
Buonasera.

Vorrei tornare sul tema delle badanti che convivono con l’assistito e svolgono un servizio a tempo parziale.

Non si comprende per quale motivo il CCNL (art 15) limiti l’impiego del part-time ad alcuni livelli (C, B, BS) escludendone altri (es. CS). Ed in tutti i casi di convivenza si parla di un orario che può variare entro un limite massimo e di uno stipendio mensile comunque fisso e non proporzionale all’orario effettivo. Per esempio non si vede ragione per retribuire una badante convivente CS con lo stipendio pieno come se lavorasse 54 ore la settimana se poi materialmente il servizio è ad orario ridotto. Forse si pensa che una persona non autosufficiente necessiti assolutamente di assistenza full-time; questo è anche ragionevole, ma si vorrà obiettare che l’assistenza potrebbe essere ripartita per esempio su due badanti (qui per la verità si potrebbe risalire all’art 8 sul lavoro ripartito) oppure potrebbe trattarsi di una badante che supporta un famigliare (costui si offrirà gratuitamente e quindi non si applicherebbe l’art.8): in questi casi il servizio della singola risorsa è effettivamente a tempo parziale. Potrebbe trattarsi di part-time orizzontale (ogni giornata è ripartita su due figure) pur di prevedere un doppio alloggio. Oppure si potrebbe immaginare più preferibilmente un part-time verticale (una figura copre alcune giornate, l’altra figura copre le giornate rimanenti). Anche in questo secondo caso si dovrebbero prevedere due alloggi dedicati ma, se accettato dai collaboratori, si può anche pensare ad un unico alloggio condiviso ed utilizzato in modo esclusivo da quell’assistente che è in servizio in quella giornata quando l’altra assistente evidentemente si troverà fuori casa (del resto sappiamo che la presenza della badante nelle ore libere e notturne è un diritto ma non un obbligo).

Detto questo ci si dovrà in ogni caso uniformare al contratto vigente che appunto non prevede di riproporzionare lo stipendio in base alle ore effettivamente svolte.
Consegue che il flag “Per i conviventi riproporziona la paga se l'orario svolto è inferiore a 54h settim.(tempo pieno)”offerto dal programma webcolf è una opzione da usarsi a discrezione del datore di lavoro che se ne assumerà la responsabilità.
Ma, e vengo al punto, vorrei chiedere se si potrebbe operare nella modalità che vado qui a descrivere. Si assume la badante convivente al livello CS a 54 ore settimanali con lo stipendio pieno previsto dal contratto. Poi nel programma webcolf, di settimana in settimana, si confermano le sole ore di servizio effettivamente svolte mentre le rimanenti ore si esprimono in termini di assenza non retribuita (causale A). Il risultato sarebbe, se non erro, una paga che a partire dall’ammontare mensile previsto da contratto risulta decurtata della quota parte relativa alle assenze e dunque in sostanza la paga viene di fatto riproporzionata al part-time. Vorrei sapere se il programma realmente ha questo funzionamento e se il suo utilizzo potrebbe essere contestato.

Resto in attesa delle vostre considerazioni, in particolare sarebbe gradita l’opinione del Dott. Francesco Pierobon.

Grazie.

Re: Retribuzione badante convivente part-time 5 Anni 9 Mesi fa #6118

  • Francesco_Pierobon
  • Avatar di Francesco_Pierobon
  • Offline
  • Messaggi: 2088
Buongiorno,

il contratto non prevede delle paghe ridotte per contratti diversi dal CS , perchè, a mio avviso, si vuole tutelare la figura della badante di persona non autosufficiente.

Se la paga potesse essere sempre riproporzionata, molti datori di lavoro deciderebbero di stipulare contratti con un numero inferiori alla realtà e retribuire in modo non ufficiale la parte eccedente dell'oraio.

Nonostante questa considerazione, che può essere o meno fondata, se stipuliamo un contratto di 54 ore e poi inseriamo le assenze nella busta paga mensile, rischiamo di essere comunque contestati per aver comunicato all'inps un numero di ore diverse da quelle reali.
In più la lavoratrice potrebbe chiedere successivamente il pagamento delle ore indicate come assenza.


Rimango a sua disposizione.

Re: Retribuzione badante convivente part-time 3 Anni 10 Mesi fa #6845

  • Anonymous
  • Avatar di Anonymous
Buongiorno,
dalla discussione mi pare di aver capito che una badante convivente cs, anche se lavora per meno di 54 ore a settimana, dovrà percepire lo stipendio pieno. I contributi andranno riproporzionati nel caso di lavoro per 40ore settimanali? ed inoltre, avendo la badante già un contratto per 54 ore, dovrò fare una modifica allo stesso e darne comunicazione all'Inps?

Grazie

Re: Retribuzione badante convivente part-time 3 Anni 10 Mesi fa #6847

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 726
Buongiorno,

confermo, se la badante lavora per meno di 54 ore a settimana, avrà comunque diritto a percepire lo stipendio pieno e solamente i contributi andranno riproporzionati. Per diminuire l'orario andrà fatta una lettera di variazione oltre alla comunicazione all'inps.

Cordiali saluti.

Re: Retribuzione badante convivente part-time 3 Anni 4 Mesi fa #7042

  • Anonymous
  • Avatar di Anonymous
mi scusi ma io leggo di contratti liv CS non autosufficienti a 40 ore ...è possibile ?

Re: Retribuzione badante convivente part-time 3 Anni 4 Mesi fa #7043

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 726
Buongiorno,

per il collaboratore convivente CS nulla vieta di indicare un orario settimanale minore di 54 ma la retribuzione lorda di base resta sempre la medesima.
Per tali collaboratori infatti é stabilito un fisso mensile base calcolato sulle 54 ore convenzionali. Non può essere più basso di quello stabilito.

Anche se vi fosse accordo tra le parti in merito alla riproporzione della paga base, ciò non preclude comunque la possibilità di contestazione in sede sindacale da parte della collaboratrice che porterebbe al risarcimento della differenza retributiva.

Se i contributi vengono versati per 40 ore sarà onere del datore di lavoro dimostrare che il contratto, se di convivenza, si svolgeva per questo numero limitato di ore, visto che nella convivenza le prestazioni sono di tipo discontinuo. Diverso invece nel caso di non convivenza, non mi sembra questo il caso, dove il rapporto è corretto a 40 ore.

Cordiali saluti.

Re: Retribuzione badante convivente part-time 3 Anni 2 Mesi fa #7107

  • Anonymous
  • Avatar di Anonymous
buona sera
pure io ho visto contratti CS 40 ore conviventi, ma nel ccnl vedo che il part time è solo 30 ore e solo per studenti.
noto pure che il CS40 ore costa di meno, mi posso fidare ?
se ho capito bene dalle vostre risposte quindi pago per 54 ore lo stipendio ma pago contributi per 40 ore?
grazie
Tempo creazione pagina: 0.243 secondi
Powered by Forum Kunena