Welcome, Guest
Username: Password: Remember me

TOPIC: Alternanza badanti: lavoro ripartito?

Alternanza badanti: lavoro ripartito? 7 years 1 month ago #2729

Forse è un falso problema.

Per ragioni di opportunità, ci sarà un'alternanza di badanti.
La storia è lunga, ma per farla breve, la badante che abbiamo assunto (che tra parentesi è molto molto brava), deve tornare a casa per 4 mesi ogni 4 mesi.
Ci ha presentato una sua "cugina", che ha lo stesso vincolo, che stiamo per assumere e che quindi lavorerà nel periodo non coperto dalla titolare.

La nostra idea (e le signore sono d'accordo) sarebbe quella di gestire con "aspettativa non retribuita e ferie" il periodo di non lavoro


Per spiegare meglio
1. Periodo 1: Badante 1 lavora, Badante 2 in aspettativa
2. Periodo 2: Badante 1 aspettativa, Badante 2 lavora

E via così

Ho letto qualcosa a proposito di lavoro ripartito, ma nel mio caso penso sia un'inutile complicazione. Non credo ci siano limiti alla gestione delle aspettative, se non gli accordi tra le parti

Che ne pensate?

Grazie mille

Re: Alternanza badanti: lavoro ripartito? 7 years 1 month ago #2744

Ho approfondito la questione "lavoro ripartito". Se non ho capito male, è una modalità che regolamenta il rapporto di lavoro con le signore, e non ha alcun impatto sulla gestione e sul pagamento dei contributi, che si basano solo sulle ore effettivamente lavorate

Capisco bene?

Quindi potrei impostare i contratti di lavoro in questo modo, fermo restando che le signore firmeranno la lettera di richiesta aspettativa non retribuita ad ogni "cambio"

Re: Alternanza badanti: lavoro ripartito? 7 years 1 month ago #2747

E' in realtà un pò diverso: con il lavoro ripartito due persone si impegnano a coprire una certa fascia temporale o una certa prestazione alternandosi a loro piacimento ma entro i limiti previsti di 54 ore per i conviventi o 40 per i non conviventi.

Nel caso sopra descritto mi sembra siamo in presenza di un'assenza per aspettativa che può essere coperta con una semplice assunzione in sostituzione.

Comunque confermo che i contributi si pagano solo sulle ore retribuite alle due collaboratrici e dunque sull'effettivo lavoro (ma anche sugli elementi indiretti che ne seguono come ferie, festività, malattia retribuita, etc.) di ciascuna.
Se una delle due non lavora il datore di lavoro non ha costi.

Re: Alternanza badanti: lavoro ripartito? 7 years 1 month ago #2748

FrancescoPierobon wrote:
E' in realtà un pò diverso: con il lavoro ripartito due persone si impegnano a coprire una certa fascia temporale o una certa prestazione alternandosi a loro piacimento ma entro i limiti previsti di 54 ore per i conviventi o 40 per i non conviventi.

Nel caso sopra descritto mi sembra siamo in presenza di un'assenza per aspettativa che può essere coperta con una semplice assunzione in sostituzione.
.

Ah il limite mi era sfuggito, grazie mille!
Quindi non mi resta che fare due contratti a tempo indeterminato, perché l'alternanza andrà avanti per parecchio tempo.

Grazie ancora

Re: Alternanza badanti: lavoro ripartito? 7 years 1 month ago #2750

Due tempi indeterminati sono senz'altro una soluzione.
Time to create page: 0.156 seconds
Powered by Kunena Forum

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e usufruire dei nostri servizi online. Se si prosegue nella navigazione si acconsente all’utilizzo. Per scoprirne di più al rigurado visita la nostra Cookies policy.

  Accetto di ricevere cookies da questo sito.