Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: categoria di assunzione e orario di lavoro

categoria di assunzione e orario di lavoro 7 Anni 10 Mesi fa #2503

  • silvia
  • Avatar di silvia Autore della discussione
Non mi sono chiari i limiti obbligatori da contratto per non avere problemi per le ore di lavoro conteggiate come straordinario.
Con l'assunzione di una colf nella categoria CS è possibile assumere per un numero di ore minore di 54 alla settimana? Il mio caso è per una colf che non dormirà dal datore di lavoro ma lavorerebbe comunque 6 giorni la settimana e per più di 40 ore.
E viceversa se si assume nella categoria BS è possibile assumere per 44 ore distribuite su 6 giorni?
Avrei bisogno che mi fosse chiarito se è proibito ovvero se sia solo necessario specificarlo nella lettera di assunzione.
Inoltre non mi è chiaro se l'assunzione per una persona che sia parzialmente autosufficiente faccia automaticamente ricadere la colf di categoria CS nella qualifica di badante, anche se non c'è convivenza.
La convivenza ho capito che dovrebbe dipendere solo dalla permanenza di notte presso l'abitazione del datore di lavoro, obbligatoriamente, tranne le giornate di riposo.

grazie

Re:categoria di assunzione e orario di lavoro 7 Anni 10 Mesi fa #2506

  • Francesco_Pierobon
  • Avatar di Francesco_Pierobon
  • Offline
  • Messaggi: 2086
Per le colf conviventi è possibile assumere anche per un numero di ore inferiori alle 54 ma la paga toale mensile non varia e rimane la stessa (in sostanza l'importo orario minimo sale al diminuire delle ore rispetto alle 54, così da raggiungere lo stesso lordo mensile).

Il livello BS o CS non cambiano il concetto: in caso di convivenza l'orario standard rimane 54 ore settimanali. Se non c'è convivenza l'orario standard è 40 ore.

Il livello "S" riguarda i compiti svolti, non la convivenza. Potrei avere quindi una persona retribuita ad ore, con qualifica CS. Un'altra, invece, sempre inquadrata al livello CS convivente, che passa tutta la giornata con l'assistito (alternando lavoro e riposo) e che quindi usufruisce di vitto e alloggio in maniera diretta (in natura) o con indennità sostitutiva.

La differenza sta nelle modalità in cui viene resa la prestazione.
Tempo creazione pagina: 0.192 secondi
Powered by Forum Kunena