Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: badante con figlio minorenne

badante con figlio minorenne 7 Anni 3 Mesi fa #2885

  • Anonimi
  • Avatar di Anonimi Autore della discussione
buonasera,
vorrei assumere una badante che ha tre figli di cui uno minorenne. La signora al momento ha un suo alloggio , in un'altra città, dove vive coi figli (è separata ma non so in che termini) e dove presumo abbia la residente. La sua eventuale assunzione cosa potrebbe comportare per me nei riguardi del minore? lei può non variare la residenza e tenere quella che ha in questa città e lasciare il minore da solo? C'è anche qualche risvolto contributivo o di stipendio il fatto di avere un minore a proprio carico?
Mi debbo tutelare in qualche maniera? chiedere qualche documento particolare per capire esattamente come stanno le cose? grazie

Re: badante con figlio minorenne 7 Anni 3 Mesi fa #2892

  • Francesco_Pierobon
  • Avatar di Francesco_Pierobon
  • Offline
  • Messaggi: 2086
Una badante, anche se convivente, non deve necessariamente trasferire la propria residenza che quindi può rimanere nell'altra citta.

La presenza del minore direi che non influenza il lavoro come badante e non vi sono nemmeno conseguenze su retribuzione o contributi, sostanzialmente agli effetti del lavoro non vi è alcun adempimento particolare.

Re: badante con figlio minorenne 1 Mese 3 Settimane fa #7446

  • Anonimi
  • Avatar di Anonimi Autore della discussione
Buongiorno,
sono in una situazione simile: la badante ha appena avuto un bambino e al termine della maternità obbligatoria tornerà a lavorare normalmente, ma chiede due cose: 1: assumere il compagno (non marito) in sostituzione per il weekend e 2: portare il bambino appena nato nella stessa abitazione. Ipotizzando che da parte nostra non ci siano problemi al riguardo (lei lavora in settimana e lui il weekend), possono effettivamente vivere tutti e 3 insieme in casa del datore? va fatta qualche particolare comunicazione di ospitalità per il bambino?

Grazie

Re: badante con figlio minorenne 1 Mese 3 Settimane fa #7449

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 457
Buonasera,

se la sistemazione alloggiativa lo permette e se il datore di lavoro è d'accordo, la soluzione proposta dalla badante non è vietata.
Consiglio di fare comunicazione di convivenza entro 48 ore all'autorità di PS sia per il bamino che per il padre.

Andrà stabilito con chiarezza gli spazi occupati dalla famiglia inoltre si dovrà chiarire che in caso di interruzione del rapporto di lavoro, gli spazi dovranno essere lasciati liberi nei termini di preavviso previsti dal CCNL:
"3. Per i portieri privati, custodi di villa ed altri dipendenti che usufruiscono con la famiglia di alloggio indipendente di proprietà del datore di lavoro, e/o messo a disposizione dal medesimo, il preavviso è di:
- 30 giorni di calendario, sino ad un anno di anzianità,
- 60 giorni di calendario per anzianità superiore.
Alla scadenza del preavviso, l'alloggio dovrà essere rilasciato, libero da persone e da cose non di proprietà del datore di lavoro."

Consiglio di prevedere un importo giornaliero a titolo di sanzione nel caso i locali concessi in uso non venissero liberati nei tempi previsti.

Cordiali saluti.

Re: badante con figlio minorenne 1 Mese 2 Settimane fa #7458

  • Anonimi
  • Avatar di Anonimi Autore della discussione
Buongiorno,
la ringrazio per la risposta. Avrei un altro dubbio: dal momento che tutti e 3 vivranno in casa del datore è giusto che venga riconosciuto il vitto (economicamente parlando) anche al bambino e al marito che vivrà li durante il resto della settimana (anche se di fatto lavora solo sabato e domenica)? Sarebbe possibile chiedere una sorta di "compenso" da parte loro per aiutare materialmente con la spesa per cibo, acqua e luce?

Grazie.

Re: badante con figlio minorenne 1 Mese 2 Settimane fa #7461

  • FrancescoPierobon
  • Avatar di FrancescoPierobon
  • Offline
  • Messaggi: 457
Buonasera,

il vitto e alloggio deve essere riconosciuto solamente alla prestatrice di lavoro, non agli altri componenti della famiglia.

Richiedere un contributo per cibo, acqua e luce è lecito se l'importo è sostanzialmente pari o minore al valore del bene riconosciuto. Se fosse richiesto un importo extra, questo potrebbe essere considerato un importo di tipo "locativo" con una serie di conseguenze che complicherebbero la gestione, soprattutto in caso di cessazione del rapporto e di richiesta di lasciare libero l'alloggio.

Cordiali saluti.
Tempo creazione pagina: 0.232 secondi
Powered by Forum Kunena