Assunzione di una colf o badante

LE COMUNICAZIONI DA EFFETTUARE PER L’INSTAURAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO DI COLF E BADANTI:

Dal 29 gennaio 2009 la comunicazione di assunzione deve essere fatta all’Inps entro la mezzanotte giorno precedente a quello di inizio  del rapporto di lavoro. La comunicazione ha efficacia anche nei confronti del Ministero del lavoro, dell'INAIL, nonché della Prefettura-Ufficio Territoriale del Governo.

L'iscrizione e le eventuali variazioni il datore di lavoro domestico, previa identificazione tramite PIN, devono avvenire esclusivamente secondo il duplice canale:
  • tramite il Contact Center dell'INPS, al numero 803.164, fornendo telefonicamente i dati necessari. Fino al 30 settembre 2011 verranno accettate anche comunicazioni senza PIN;
  • utilizzare l'apposita procedura Internet di compilazione e invio on-line disponibile sul sito internet dell'Istituto (www.inps.it). Per poter utilizzare questo secondo canale si dovrà essere in possesso del codice PIN che può essere richiesto a questo indirizzo: https://serviziweb2.inps.it/RichiestaPin, successivamente l'assunzione dovrà essere fatta al seguente indirizzo del sito dell'INPS: https://https://serviziweb2.inps.it

 

Per l'assunzione di lavoratori extracomunitari che siano già residenti in Italia, inoltre, il datore di lavoro deve stipulare un contratto di soggiorno:

  • Compilando e sottoscrivendo il modulo Q scaricabile dai siti www.lavoro.gov.it o www.interno.it o da questo stesso sito (vedi tra i modulistica utile - qui);
  • Inviare il modello, tramite raccomandata a/r, entro 5 giorni dall'inizio del rapporto, allo Sportello Unico per l'Immigrazione della Prefettura di residenza l'originale del contratto di soggiorno (mod. Q) con allegata la copia di un proprio documento d'identità;
  • Consegnare al lavoratore straniero una copia del contratto di soggiorno e della ricevuta postale di ritorno, timbrata dallo Sportello Unico, scrivendo sulla ricevuta postale il cognome e nome del lavoratore con il quale è stato stipulato il contratto di soggiorno.

se il collaboratore domestico è anche convivente:

  • si dovrà dare comunicazione all’Autorità di pubblica sicurezza entro 48 ore per coloro he allo straniero extraUE danno alloggio e ospitalità.


infine, per il lavoratore che trasferisce la propria residenza presso l'abitazione del datore di lavoro:

  • si dovrà dare comunicazione di convivenza ai sensi dell'art. 147 del R.D. 18/06/1931 nr. 773 come sostituito e modificato dall'articolo 7 del D.Legislativo 286/98 e modificato dalla legge 189/2000, entro 20 giorni dall'instaurazione del rapporto di lavoro.

 

I DOCUMENTI CHE IL DATORE DI LAVORO DEVE CONSERVARE PER POTER CORRETTAMENTE INSTAURARE IL RAPPORTO DI LAVORO:

Tutte le colf 

Al momento dell’assunzione il/la lavoratore/trice dovrà presentare i seguenti documenti al datore di lavoro:

  • copia di un documento di identità non scaduto;
  • tessera sanitaria o altro documento sanitario aggiornato attestante l’idoneità al lavoro e l’assenza di patologie che possona portare pregiudizio per il lavoratore, il datore di lavoro o la famiglia presso cui i lavori verranno svolti;
  • copia del codice fiscale;
  • eventuale documentazione assicurativa e previdenziale (per esempio: numero di iscrizione all’INPS qualora l’interessato fosse già stato assicurato).

 

Potranno inoltre essere presentati:

  • certificato penale e certificato dei carichi pendenti, che saranno esaminati al datore di lavoro e immediatamente restituiti, al fine i escludere ogni forma di trattamento speciale per la gestione di tali dati sensibili (normativa della privacy);
  • eventuali attestati o diplomi degli studi compiuti;
  • “attestazione di servizio” o referenze per il lavoro prestato presso altri datori di lavoro.
Gli ultimi due punti sono utili per il corretto inquadramento del lavoratore che dal livello A potrebbe avere diritto ad essere inquadrato al livello B, C e D.

Minorenni:

In aggiunta agli altri documenti per l'assunzione sono necessari:

  • la dichiarazione dei genitori o di chi esercita la potestà familiare, vidimata dal Sindaco del Comune di residenza, con cui si acconsente che la colf viva presso la famiglia del datore di lavoro;
  • il certificato di idoneità al lavoro, rilasciato dopo la visita medica dell'Ufficiale sanitario.

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e usufruire dei nostri servizi online. Se si prosegue nella navigazione si acconsente all’utilizzo. Per scoprirne di più al rigurado visita la nostra Cookies policy.

  Accetto di ricevere cookies da questo sito.