Seguici o richiedi assistenza su:

webcolf.com

Gestione online colf e badanti

Tabella contributi colf e badanti 2014
Scritto da Valeria   
Mercoledì 22 Gennaio 2014 10:32

I contributi, versati dal datore di lavoro, sono calcolati in base:
- alla retribuzione effettiva oraria;
- alla tredicesima mensilità calcolata in misura oraria;
- al valore convenzionale, anch'esso ripartito in misura oraria, del vitto e dell'alloggio.

Essi si versano per tutti i giorni comunque retribuiti, per tutte le ore effettivamente lavorate nel corso del trimestre e per quelle relative a periodi di assenza comunque retribuita.
Come lo scorso anno, inoltre, per finanziare l'Aspi, che sostituisce l'indennità di disoccupazione, l'art. 2 della legge 28 giugno 2012, prevede che si applichi ai rapporti a tempo determinato un contributo addizionale, a carico del datore di lavoro pari all'1,40% della retribuzione imponibile.

Quindi, il calcolo dei contributi dipende anche dal tipo di contratto stipulato. C'è da precisare, però, che in caso di lavoratori assunti a tempo determinato in sostituzione di lavoratori assenti, tale contributo addizionale non è previsto.

Inoltre, mentre nel 2013 la legge prevedeva la restituzione del contributo addizionale al datore di lavoro che:
- superato il periodo di prova, avesse trasformato il contratto a termine in contratto a tempo indeterminato ovvero
- entro 6 mesi dalla scadenza del contratto a termine, avesse riassunto il medesimo lavoratore a tempo indeterminato;
-  nel limite massimo di 6 mensilità:
La legge di stabilità 2014 ha invece stabilito che, in merito alle trasformazioni a tempo indeterminato decorrenti dal 1° gennaio 2014, non è più previsto il limite delle ultime sei mensilità. L'inps ricorda che la restituzione avviene anche nel caso in cui il datore di lavoro riassuma con contratto di lavoro a tempo indeterminato il lavoratore entro 6 mesi dalla cessazione del contratto a termine, con una riduzione del rimborso corrispondente ai mesi he intercorrono tra la scadenza e l'assunzione a tempo indeterminato.
Per richiedere i rimborso di tale contributo il datore deve presentare la domanda via telematica:
- via web (servizi telematici accessibili dai cittadini con il pin nel sito inps);
- call center inps (da rete fissa 803164, da rete mobile 06164164);
- intermediari dell'istituto.

Nella tabella sono indicati gli importi del contributo orario per l’anno 2014 in relazione alla retribuzione senza contributo addizionale(contratto tempo indeterminato o determinato solo per sostituzione collaboratori assenti):

Ore di lavoro settimanali

Retribuzione effettiva oraria

Contributo orario compresa CUAF

Contributo orario esclusa CUAF

Contributo orario dipendente

da

A

Fino a 24 ore settimanali

0 (*)

7,86

1,39

1,40

0,35

7,87

9,57

1,57

1,58

0,39

9,58

999

1,91 1,92

0,48

Prestazioni superiori a 24 ore settimanali

0

999

1,01

1,02

0,25

 

Nella tabella sono indicati gli importi del contributo orario per l’anno 2014 in relazione alla retribuzione con contributo addizionale (contratto tempo determinato tranne nel caso di  sostituzione collaboratori assenti):

Ore di lavoro settimanali

Retribuzione effettiva oraria

Contributo orario compresa CUAF

Contributo orario esclusa CUAF

Contributo orario dipendente

da

A

Fino a 24 ore settimanali

0

7,86

1,49

1,50

0,35

7,87

9,57

1,68

1,69

0,39

9,58

999

2,04

2,06

0,48

Prestazioni superiori a 24 ore settimanali

0

999

1,08

1,09

0,25

 

Si tratta di dati ufficiali diffusi dall'INPS.

I contributi si pagano ogni trimestre alle seguenti scadenze:

 

scadenza

Periodo

dal 1° al 10 aprile

versamento per il 1° trimestre

dal 1° al 10 luglio

versamento per il 2° trimestre

dal 1° al 10 ottobre

versamento per il 3° trimestre

dal 1° al 12 gennaio

versamento per il 4° trimestre

 

In caso di cessazione del rapporto, però, i contributi devono essere pagati entro i dieci giorni successivi alla cessazione.
In seguito alla denuncia dell’inizio del lavoro l’Inps spedisce, direttamente al domicilio del datore di lavoro, un primo blocchetto di bollettini di conto corrente postale da utilizzare per il pagamento dei contributi. In seguito sarà cura del datore di lavoro richiederne altri, chiamando il numero gratuito Inpsinforma 803.164 oppure collegandosi al sito www.inps.it e cliccando su servizi on line oppure rivolgendosi agli uffici Inps di zona.

 
 
Joomla Template: from JoomlaShack